brescia calcio

Vorrei vedere il Brescia Calcio fallire

Vorrei vedere il Brescia Calcio fallire
Sforzi e risorse per salvarlo, indirizzati altrove.

Provocazione per un contraddittorio che faccia crescere in altre direzioni

Premesso che il calcio, sia lo sport popolare, la passione di molti (sempre meno appassionati e spesso più sede di sfogo di frustrazioni e generatore di violenza, opportunità di fatturati e spese improduttive, ..bla,bla,omissis..) considerando che generi anche un indotto occupazionale e di lavoro…. detto questo, proseguo omettendo per non rischiare il linciaggio. 

La settima scorsa il sindaco della nostra Brescia, ha incontrato la tifoseria per rassicurarla dell’interessamento (giusto atto dovuto, nessuna accusa ad averlo fatto, nulla in contrario) nel trovare una soluzione alla crisi che potrebbe portare la squadra cittadina al fallimento (da sempre oscillante nelle due serie maggiori) ovviamente nella situazione di non potere contribuire economicamente, per cui senza poterci mettere un soldo.

A latere de:

  • una salvezza che si scontrerebbe con uno stadio caduto in pezzi da decenni, per contro d’un nuovo possibile nuovo palazzetto che sarebbe più utile a sport minori.
  • il coinvolgimento d’importanti imprenditori locali e di una banca Bresciana, che scendendo in campo dovranno arginare raccogliendo subito 4 milioni di Euro e qualche decina successivamente (dicono gli informati)

Mentre basterebbe forse anche meno, per soffermarsi ad analizzare questo progetto o altri innovativi, anzichè dedicare risorse e tempo ad una squadra di calcio. Per capirne studiarne il potenziale in più direzioni. Usando il caso specifico di OSvehicole :

  • una mobilità pubblica piu’ sostenibile per un automezzo elettrico (2.000 euro la scocca , 1.000 il motore e altrettanti a corredo) magari localmente prodotta. Mezzo con un costo totale di 6000 euro massimo, che potrebbero essere parte della flotta nella formula di car2go o enjoy a beneficio locale. Soluzione sostenibile nella pubblica e privata mobilità locale, o nulla vieta che siano i mezzi di una nuova generazione di taxisti (in risposta ad uber)
  • opportunità per un industria locale , seduta sugli allori d’un tempo. Stimolata a progettare con la facoltà d’ingegneria i modelli da produrre localmente, per una mobilità locale pubblica e privata. Uno stimolo professionale alla ricerca di nuovi materiali e designer, un nuova generazione di stampatori, assemblatori, meccanici e riparatori.

Creando occupazione, opportunità incomparabile con la prospettive di crisi crescente per industrie e lavoratori, che consenta a più famiglie di vivere in un ambiente più sano (mezzi pubblici e privati meno inquinanti). Destinando gli investimenti, oltre che ad un fine economico produttivo e commerciale di più ampio beneficio, potrebbero essere direttamente o indirettamente e parzialmente maggiormente utili ad un calcio più praticato, in ogni piccolo spazio o ad alternativi sport, con un palazzetto adeguato.

Non me ne vogliano i tifosi o l’indotto del calcio,
forse sarà vero che vivrò in in mio mondo, ma non riesco a capire

Vorrei incominciare a vivere: in una città intelligente !
Una città che coglie nelle difficoltà i vantaggi competitivi,
in un innovazione che proietti in nuove dimensioni,
in un contesto che pensi all’ambiente,
creando opportunità di lavoro per le sue aziende,
protesa a generare nuova occupazione.

Perchè solo cambiando si risolvono problemi che affliggono la città e la cittadinanza 

Nuove soluzioni per un nuova città
Nuovi spazi, per essere e ritrovarmi nella città in cui sono nato e vissuto, di cui sono orgoglioso. Forte di un contesto innovativo e non ferma a valori storici del passato, importanti, ma da mantenere a caro prezzo sociale. Per un prestigio che forse è il caso d’archiviare, che potrà forse avere spazio dalle ceneri di ciò che avremo il coraggio d’ammettere fallito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *