Discussioni in rete ai tempi d'elezioni

Discussioni in rete ai tempi d’elezioni

Bresciaoggi.it, lunedì 14 Gennaio 2013
INTERNET, pagina 5

Discussioni in rete ai tempi d’elezioni

Raimondo Bruschi
servizi-internet.eu

Ci sono sostanzialmente due modi per analizzare enormi quantità di dati: disporre di una rete di supercalcolatori o di una manodopera immensa. Una possibilità è quella di utilizzare grandi centri di elaborazione dati per cercare di prevedere il futuro, interpretando in tempo reale gli stati d’animo del presente.

Discussioni in rete ai tempi d'elezioni
Discussioni in rete ai tempi d’elezioni

Un esempio sono topsylabs.com, che si propone di analizzare quello che viene discusso sui social network, o la app gratuita per Iphone proposta da derwentcapitalmarkets.com per fare previsioni su andamenti di borsa. Strumenti importanti per un’azienda che vuole capire qual è la percezione del proprio brand o decidere dove vuole investire. Dati che sarebbe impossibile analizzare a mano: soltanto sul social network Twitter ci sono 400 milioni di messaggi pubblici al giorno (giugno 2012).

Si potranno un giorno annunciare in anticipo i vincitori delle elezioni? Di sicuro l’analisi dei big data può aiutare a capire se i sentimenti verso un certo candidato sono positivi o negativi, e parzialmente alcuni strumenti di misura dell’influenza riescono a distinguere se chi parla bene o male è un leader di opinione o un semplice cittadino che esprime la sua opinione soltanto a nome suo. Internet permette anche l’esatto opposto: la creazione di portali che facilitano la collaborazione tra le persone per raggiungere un determinato obbiettivo.

Restando sul tema politico, dopo gli Stati uniti arrivano anche in Italia piattaforme come https://factchecking.civiclinks.it/it/ che permettono di contribuire a controllare se le dichiarazioni di qualcuno sono vere o false. Siccome non si sa se arriveràmai il giorno in cui sarà un computer a decidere se scrivere la parola innocente o colpevole in una sentenza, entrambe le strade sono necessarie per l’evoluzione della nostra società.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *